Info generali

  • 06/06/2022 - 06/07/2022
  • La progressiva riduzione della disponibilità di acqua coinvolge in particolare 25 Comuni di media e alta valle.

CARENZA IDRICA NEL TERRITORIO GESTITO DA UNIACQUE
AGGIORNAMENTO AL 1 GIUGNO 2022

  • Critico lo stato della dotazione idrica negli acquedotti in gestione.
  • La progressiva riduzione della disponibilità di acqua coinvolge in particolare 25 Comuni di media e alta valle: inviata richiesta di emissione di ordinanza di contenimento dei consumi idrici.
  • E’ necessario sensibilizzare tutti i cittadini a un uso consapevole della risorsa idrica, evitando l’uso non essenziale.

Nonostante le precipitazioni di questi giorni, la situazione meteorologica di siccità, sostanzialmente immutata da mesi e aggravata dall’assenza di riserve nevose e dal tipico aumento estivo dei consumi, rende critico lo stato della dotazione idrica negli acquedotti in gestione Uniacque.
Uniacque rende noto che finché non muteranno sostanzialmente le condizioni meteorologiche, il sistema idrico bergamasco non è oggi nelle condizioni di sostenere usi diversi da quelli alimentari, e igienici. Importante quindi adottare un cambio di passo, con azioni più incisive e concrete a tutela della risorsa idrica da destinare unicamente al fabbisogno umano e non ad altri scopi.


Pierangelo Bertocchi, amministratore delegato di Uniacque, dichiara: “Abbiamo inviato nei giorni scorsi una comunicazione a tutte le Amministrazioni Comunali interessate dalla grave crisi idrica perché collaborino attivamente nell’informare la cittadinanza che è consentito il solo uso alimentare ed igienico, anche attraverso l’adozione di ordinanze di limitazione dei consumi. I nostri operatori stanno monitorando costantemente la situazione e stanno lavorando quotidianamente sui principali bacini e sulle reti per garantirne il corretto approvvigionamento, anche alimentando con autobotti i bacini delle sorgenti più piccole che mostrano forti segni di sofferenza”.

Luca Serughetti, Presidente di Uniacque, dichiara: “Nessun allarmismo, ma una doverosa informazione perché tutti i cittadini possano maturare consapevolezza della situazione cogente e contribuire in prima persona a sostenere l’azione attiva di Uniacque nella salvaguardia della risorsa”.

La richiesta di emissione di ordinanza di contenimento dei consumi idrici al momento coinvolge i seguenti comuni:

ALGUA, ALMENNO SAN BARTOLOMEO, ALMENNO SAN SALVATORE, BEDULITA, BERBENNO, BRACCA, BRUMANO, CAPIZZONE, CORNA IMAGNA, COSTA VALLE IMAGNA, CORNALBA, COSTA DI SERINA, ZOGNO, SERINA, OLTRE IL COLLE, SAN PELLEGRINO, , FUIPIANO VALLE IMAGNA, SANT'OMOBONO TERME, STROZZA, RONCOLA, PALAZZAGO, PONTIDA, CAPRINO BERGAMASCO, CISANO BERGAMASCO, TORRE DE BUSI.

È pertanto necessario che tutti i cittadini delle zone interessate interrompano l’uso dell’acqua potabile per gli usi non essenziali quali, a titolo di esempio, irrigazione di giardini privati e pubblici, lavaggio dei piazzali e automobili, riempimento di piscine.

Uniacque invita comunque tutti i cittadini della Provincia a ridurre ogni uso non indispensabile dell’acqua potabile.
Contenere i propri consumi idrici, attraverso una maggiore accortezza nei diversi tipi di utilizzo, può permettere di salvaguardare la risorsa anche in momenti complessi come quello attuale.

Il decalogo completo per l’utilizzo consapevole dell’acqua è fruibile sul sito Uniacque.

Uniacque, presidiando i bacini e le sorgenti, fornirà costanti aggiornamenti sullo stato di fatto e su possibili ulteriori contromisure da mettere in campo; attiverà inoltre campagne di sensibilizzazione sull’importanza che tutti tutelino la risorsa acqua.